Prezzo delle immagini

Tutte le immagini presenti nel sito sono coperte da copyright. Anche per l'uso senza scopo di lucro deve essere richiesta l'autorizzazione.
Per i consueti utilizzi a pagamento l'importo si contratta in base all'utilizzo della fotografia.

TARIFFARIO per immagini con risoluzione a 72 dpi (siti web, banner, newsletter, documenti PDF, sfondi per cellulari, presentazioni). Attenzione 72 dpi non è una risoluzione adatta per la stampa.

10x15 cm (425x283 pixel) - 2,00 euro

20x30 cm (850x568 pixel) - 3,00 euro

30x45 cm (1276x850 pixel) - 5,00 euro

Condizioni d'uso: senza limiti di tempo

dimensioni

L'immagine scelta sarà inviata per e-mail dopo l'avvenuto accredito.

 

Oppure tramite bonifico su cc:
IT55 H076 0101 6000 0005 1664 910
Indicare nella causale: saldo immagine xxxx (indicare il codice), indirizzo e-mail.

In base all'importo versato sarà inviato il formato corrispondente.
I dati per la fatturazione saranno richiesti con l'invio dell'immagine.

 

 

 

Nota:
La professione di fotografo non ha albo professionale e un tariffario ufficiale da seguire ma solo delle indicazioni.
Questa mancanza di punti di riferimento precisi è sempre stato un problema sia per il fotografo che per il cliente che non ha idea se il prezzo richiesto sia congruo oppure no.
A peggiorare e mortificare la professione di fotografo è stato l'avvento della tecnologia digitale. La reflex digitale ha aperto strepitose possibilità di espressione artistica ma al tempo stesso ha permesso a un immenso esercito di fotografi "improvvisati" di invadere e saturare di fotografie l'intero mercato mondiale, grazie anche alla parallela diffusione di internet.
Questo è accaduto perchè anche con modelli di reflex digitali amatoriali si producono file di risoluzione adatta al mercato editoriale. Inoltre il digitale ha eliminato alcune problematiche (ovviamente anche a vantaggio del fotografo professionista) tra cui il fatto che gli editori esigevano scatti su diapositiva che risultava costosa e difficile da gestire in fase di ripresa dal comune fotoamatore.
Un bravo fotografo non teme la sana concorrenza, il problema è che il comune fotoamatore non vive sugli introiti dovuti alla vendita di fotografie e pur di vedere pubblicata la sua foto la cede a poco prezzo o gratis.
La maggior parte dei potenziali clienti tra uno scatto di un professionista e un'altro, di livello equivalente o solo leggermente inferiore, ma a poco prezzo o gratis quale sceglie? Inutile scrivere la risposta.
Solo alcuni settori ad alta specializzazione (moda, pubblicità, matrimonio) si sono salvati ma solo ad alti livelli.
Questa nota si riferisce solo all'aspetto "professionale" del mondo della fotografia.
Indubbiamente, come in tutti settori artistici, la linea di distinzione delle capacità fotografiche tra chi si dichiara professionista e il fotoamatore è spesso inesistente.
Ci sono professionisti dichiarati che sono incapaci di produrre immagini al di là della semplice rappresentazione e fotoamatori dalle sorprendenti capacità artistiche.

 

 

 

 

Online

Abbiamo 30 visitatori e nessun utente online